Skip to main content

I modelli CN22 e CN23 sono documenti necessari per spedire pacchi al di fuori dell’Unione Europea. Compilarli non è facilissimo, non tutti sanno quali informazioni devono inserire e soprattutto dove trovarli o come generarli.

Per questo, oggi, ti spiegheremo in modo dettagliato cosa devi fare se il tuo ecommerce vanta clienti anche fuori dall’Unione Europa e sei alle prese con le spedizioni internazionali. Inoltre, ti guideremo passo passo alla compilazione di modelli doganali CN22 e CN23. Questi modelli hanno due utilizzi diversi, quindi è importante saper riconoscerli e sapere quando utilizzarli. Anche perché gli errori possono portarti a multe oltre che a una mancata consegna dei tuoi prodotti.

Perciò cominciano, ecco nel dettaglio gli argomenti che tratteremo:

Modelli doganali CN22 e CN23: cosa sono

I modelli CN22 e CN23 sono documenti contenenti informazioni essenziali per spedire pacchi al di fuori della UE, quali il contenuto del tuo pacco e il suo valore, oltre alle informazioni più comuni come il mittente e il destinatario i soggetti coinvolti nella spedizione (i corrieri).

Devono essere allegati obbligatoriamente all’oggetto della spedizione, cosicché le autorità doganali possano verificare le merci in entrata e in uscita da una determinata aerea doganale e nel caso applicare o meno i dazi di importazione.

Se i modelli doganali CN22 o CN23 non contengono una descrizione dettagliata del contenuto del pacco, potresti ricevere una multa pari al 100% del valore effettivo della merce. Perciò ti invitiamo a fare sempre molta attenzione quando compili questi documenti.

Regolamenti doganali: alcune eccezioni

Questi documenti, quindi, certificano che tu stia spedendo in conformità ai regolamenti doganali.

È buona prassi controllare il sito internet della tua autorità fiscale nazionale per sapere quali paesi fanno parte della UE, ma ci sono alcuni paesi che, pur facendo parte della UE, non rientrano nella zona doganale UE. Infatti, come tutti i regolamenti che si rispettino anche quelli doganali ammettono eccezioni.

Inoltre, i regolamenti variano da paese a paese. Ad esempio alle Bahamas una fotografia ha valore di documento (e quindi non viene sottoposta ai controlli doganali), mentre in Argentina le fotografie sono considerate merci e devono quindi essere controllate dalle autorità doganali.

CN22 e CN23: qual è la differenza

Quindi, ogni volta che devi spedire un pacco al di fuori dell’Unione Europea, hai bisogno di uno di questi due documenti. La “semplice” lettera di vettura!

Ma ci sono delle differenze tra il modello CN22 e il modello CN23, il loro utilizzo dipende dal valore del pacco:

  • nel caso di spedizioni con un peso di massimo 2 kg contenenti merci di un valore fino a 425 € devi utilizzare il modello CN22;
  • per spedizioni dal peso tra i 2,01kg e i 20 kg contenenti merci di un valore superiore a 425 € devi utilizzare il modello doganale CN23.

Il modello CN22 è meno dettagliato rispetto al CN23. Potrebbe assomigliare a un adesivo che viene incollato sul pacco accanto all’indirizzo. Il modello CN23 contiene maggiori informazioni e può venire allegato all’esterno del pacco in una busta trasparente e assieme al modulo CP71.

Cos’è il modulo CP71 da allegare al modello CN23

Il modulo CP71 è un documento integrativo che serve a specificare l’indirizzo e che deve essere allegato al modulo CN23.

Se non desideri che i corrieri della spedizione possano visualizzare il contenuto del pacco dal modulo CN23, inserisci il modulo CP71 in vista nella busta trasparente.

È fondamentale compilare la dichiarazione doganale correttamente, inserendo il maggior numero di informazioni possibili.

Lo shopping online transnazionale è sempre più diffuso e sarà uno dei trend dell’ecommerce del 2022. Se anche stai pensando di espandere il tuo business all’estero (o lo stai già facendo) devi sapere come compilare questi documenti perfettamente.

Come si compila il modello doganale CN22

Il modo più sicuro per compilarli senza errori rimane quello automatico, che limita il lavoro manuale noioso e rischioso, come tanti altri aspetti della logistica ecommerce. Software come Sendcloud possono aiutarti in questa fase grazie alla loro offerta di strumenti interattivi gratuiti.

Vediamo, invece, come compilarli a mano. Ecco le indicazioni passo dopo passo:

(Le immagini dei due moduli che forniamo ad esempio sono volutamente in inglese. Trattandosi di spedizioni internazionali, infatti, è sempre meglio compilare queste dichiarazioni doganali in lingua inglese)

 

modulo cn22

  1. Fai una croce o una spunta accanto alla voce che descrive il contenuto del pacco. Nel caso di rivenditori online che vendono i loro prodotti a livello internazionale, in genere si impiega la dicitura “Sale of goods” (Vendita di beni). Se stai inviando campioni di prova di un dato prodotto, seleziona la voce “Commercial Sample” (Campione commerciale). Ti è consentito scegliere un’unica opzione per ogni singolo pacco.
  2. Descrivi il contenuto del pacco. Più esaustiva sarà la descrizione del contenuto, meno contrattempi ci saranno ai controlli doganali. Perciò ricordati di specificare:
    – di che tipo di prodotto si tratta
    – la quantità
    – il peso
    – il valore al dettaglio espresso in euro (IVA esclusa)Ti consigliamo di usare l’inglese o la lingua del paese di destinazione.
  3. Indica il codice armonizzato della merce e il paese di origine del prodotto. Tale codice, chiamato anche HS code, viene usato dalle autorità doganali per categorizzare i prodotti. È composto da dieci cifre, di cui le prime sei sono armonizzate a livello globale, mentre le altre possono variare da paese a paese.
  4. Indica la data di spedizione e firma il modulo. Se il modulo non è firmato, la spedizione potrebbe subire ritardi o tornare al mittente.

Non conosci l’HS code dei tuoi prodotti? Puoi trovarlo con uno dei nostri tool gratuiti di cui ti abbiamo appena accennato: l’HS code finder 🔍

Come si compila il modello doganale CN23

Questo modulo è un po’ più dettagliato del CN22, ma comunque molto simile.

Ecco come si compila:
modulo cn23

  1. Indica l’indirizzo del mittente e del destinatario. Scrivilo in modo dettagliato e aggiungi anche il numero di telefono del cliente o destinatario: in determinati casi potrebbe rivelarsi molto utile per il corriere.
  2. Specifica se il pacco debba essere restituito a te qualora la spedizione non vada a buon fine.  In casi come questi potrebbe venire applicata una tassa sulla merce restituita. Se indichi che non vuoi che il pacco ti venga restituito, eviterai di pagare le spese per il reso, ma di conseguenza perderai la proprietà del pacco.
  3. Descrivi il contenuto del pacco nella maniera più esaustiva possibile. Scegli tra “Commercial Sample”, “Return goods” o “Other”. Compila anche i campi in azzurro.
  4. Indica il codice internazionale corrispondente alla merce e il paese di origine del prodotto. Allega il codice del sistema armonizzato relativo al prodotto o ai prodotti che stai inviando. In questo caso valgono le stesse regole che per il modello CN22.
  5. Dichiara se i tuoi prodotti devono essere soggetti a quarantena. In alcuni casi, la merce potrebbe essere soggetta a quarantena, a restrizioni sanitarie o ad altri importanti regolamenti, potrebbe essere il caso di alimenti, medicinali oppure organismi viventi.
  6. Scrivi la data e firma il modulo.

CONSIGLIO: assicurati di conservare una copia della documentazione. In caso di errori nella consegna della tua spedizione, le autorità doganali potrebbero richiedere a te o al tuo cliente di pagare un sovrapprezzo. In tali casi potrai inviare alle autorità una fattura modificata sulla base della documentazione in tuo possesso.

Lista di articoli che non possono essere spediti all’estero

Compilare i modelli doganali in modo corretto potrebbe essere inutile se provi a spedire oggetti vietati. Per motivi di sicurezza, ci alcuni tipi di merce o specifici prodotti che non possono essere spediti all’estero.

Te li presentiamo qui sotto forma di lista, così ti sarà più facile leggerli e ricordarli.

  • Spray aerosol
  • Bevande alcoliche
  • Sigarette
  • Prodotti con scadenza breve
  • Benzina o petrolio
  • Smalto per unghie
  • Profumi
  • Veleni
  • Accendini
  • Estintori
  • Maschere antigas
  • Biglietti della lotteria
  • Diamanti grezzi
  • Batterie danneggiate

Se non sei sicuro che ciò che vuoi spedire sia concesso, controlla sempre questa lista. Puoi anche copiarla questa dove ti può essere più facile controllarla!

moduli doganali cn22 e cn23

Conclusioni e prossimi passi per spedire all’estero senza frizioni

Siamo giunti alla fine del nostro articolo. Prima di concludere però facciamo un breve recap così ricorderai la differenza tra questi due modelli più facilmente.

L’uso di un modulo CN22 o di un CN23 dipende dal peso e dal valore del pacco:

  • Il modello CN22 va utilizzato per i pacchi che pesano fino a 2 kg contenente merci per un valore fino a 425€;
  • Il modello CN23 va utilizzato per i pacchi che pesano da 2 a 20 kg contenente merci per un valore superiore a 425€.

Conoscere questi modelli alla perfezione è il primo passo per spedire al di fuori dei confini nazionali. Per scoprire come continuare questo percorso scarica la nostra guida gratuita!

Leave a Reply