Skip to main content

Quello dei corrieri, e delle spedizioni in generale, è un mondo complesso, e complessi possono essere anche i termini che vengono usati per descrivere servizi o procedure di questo settore. Il significato di espressioni quali “consegna al corriere locale”, “avviso di giacenza”, “stato di eccezione”, spesso sfugge a chi deve è in attesa del pacco e persino alle aziende che l’hanno spedito.

Molte di queste parole hanno a che fare con le operazioni legate al transito, dalla dogana allo stato della spedizione.

Anche se non sono espressioni che sentirai nella vita di ogni giorno, se hai un business e-commerce o ti interessi di logistica è utile imparare a conoscerle. Se ti suonano strane, niente paura: siamo qui apposta per spiegarti in modo chiaro ed esauriente il loro significato. Così, la prossima volta che sentirai nominare uno di questi concetti saprai subito di cosa si sta parlando.

  1. Consegna al corriere locale
  2. Spedizione in consegna
  3. Supplemento area remota
  4. Fuel surcharge
  5. Arrivata in sede
  6. Avviso di giacenza
  7. Rifiutato il pacco
  8. Stato “eccezione”
  9. Service points / PUDO
  10. Tracking number

Consegna al corriere locale

Se leggi sullo stato della tua spedizione “Consegnato al corriere locale” significa che: il pacco viene immagazzinato presso il deposito / magazzino pacchi e il destinatario deve ritirarlo in loco. Devi quindi recarti alla sede del corriere per ritiralo.

Ti consigliamo di metterti in contatto prima con il corriere per conoscere meglio la sede dove devi il tuo pacco è stato depositato e gli orari di apertura.

Spedizione in consegna

Sembrerà strano ma spedizione in consegna è uno dei termini meno chiari del glossario dei corrieri.  Anche se il suo significato è proprio ciò che sembra. Spedizione in consegna significa che il corriere sta per consegnare la spedizione nel corso della giornata.

Supplemento area remota

Supplemento area remota è il sovrapprezzo che viene applicato dal corriere quando il punto di consegna o di ritiro si trova in un’area meno accessibile e non coperta dalla rete del corriere stesso. Solitamente si tratta di zone difficili da raggiungere, come le piccole isole o le stazioni sciistiche.

È importante ricordare che molti corrieri effettuano spedizioni verso aree periferiche o disagiate solo in alcuni giorni specifici, motivo per cui i tempi di consegna potrebbero allungarsi. I ritardi possono essere dovuti anche a condizioni meteo avverse o a strade impraticabili: per questo è consigliabile pianificare in anticipo la spedizione.

Fuel surcharge

Il fuel surcharge o supplemento carburante è un costo aggiuntivo variabile che il corriere applica alle spedizioni nazionali per fare fronte alle fluttuazioni del prezzo del gasolio.

È un modo per adeguare il costo delle spedizioni all’andamento di prezzo del carburante, sulla base dei parametri forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Inoltre, si applica alle singole spedizioni e non ai servizi accessori. Il supplemento viene calcolato in percentuale, prendendo in considerazione il prezzo del carburante del secondo mese antecedente a quello di applicazione (media mensile del prezzo settimanale in Italia).

un ragazzo controlla cos'è tracking number

Esiste anche un fuel surcharge internazionale, calcolato sul prezzo dello U.S. Gulf Coast (USGC) kerosene-type jet fuel. La variazione in questo caso è settimanale.

Ogni corriere applica questo supplemento a suo modo, quindi il nostro consiglio è sempre di controllare le percentuali pubblicate dai singoli spedizionieri per consegne effettuate a livello nazionale e internazionale.

Arrivata in sede

Se utilizzi un servizio di tracciamento, potresti ricevere diversi aggiornamenti che ti comunicano lo stato della spedizione.

La dicitura “spedizione arrivata in sede” indica che la merce è stata presa in carico nella sede del corriere più vicina all’indirizzo di consegna e che verrà recapitata a breve, solitamente entro due giorni lavorativi.

Avviso di giacenza

L’avviso di giacenza è quello scontrino che il servizio di spedizione lascia nella cassetta della posta dopo avere fatto un primo tentativo di consegna della merce senza trovare il destinatario. Questo foglio contiene tutte le informazioni utili sul luogo in cui si trova la merce, ad esempio la filiale più vicina o l’ufficio postale.

Per ritirare la merce sarà importante portare con sé l’avviso di giacenza assieme a un documento di identità. Se non è possibile ritirarla personalmente, si può delegare una terza persona.

Ogni corriere ha le proprie regole riguardo al periodo massimo di giacenza, trascorso il quale solitamente la merce viene rispedita al mittente. Inoltre, alcuni corrieri offrono l’opzione di ritentare la consegna in un orario e data da concordare.

Rifiutato il pacco

Questa tipologia di stato della spedizione serve ad avvisare che c’è stato un problema con la consegna, poiché il destinatario ha rifiutato il pacco. Rifiutare la consegna è un diritto del consumatore, che può non volerla prendere in carico ad esempio perché il pacco appare danneggiato o perché gli viene richiesto di pagare tasse godanali di cui non era a conoscenza.

Oppure può essere il caso di un ordine da pagare pagamento in contrassegno: il corriere non può obbligare il destinatorio a pagare nè l’ordine né le spese postali, né tantomeno può obbligarlo ad accettare l’ordne gratuitamente.

pacco rifiutato

 

 

In casi del genere, il corriere farà firmare al destinatario un documento dove si attesta il rifiuto della spedizione; quest’ultima potrà quindi essere rispedita al mittente.

Stato “eccezione”

Se lo stato della spedizione viene contrassegnato come “eccezione”, vuol dire che la consegna non potrà avvenire in tempo a causa di eventi imprevisti, come un documento doganale mancante, una spedizione danneggiata, la non reperibilità del destinatario o festività nazionali.

La cosa migliore da fare in questi casi è contattare il corriere per comprendere il motivo del ritardo nella consegna e trovare assieme una soluzione.

Service points / PUDO

I Service points, in inglese PUDO (acronimo di “Pick Up, Drop Off”) sono punti di ritiro convenzionati con i servizi di spedizione. Può trattarsi di edicole, tabacchi, supermercati, pompe di benzina o negozi di vario genere che mettono a disposizione i propri spazi per conservare i pacchi che devono essere ritirati oppure restituiti.

Questa modalità rappresenta un grande vantaggio soprattutto per il cliente finale, che può scegliere il punto di ritiro più vicino a casa e gli orari in cui andare a prelevare il pacchetto sapendo che fino a quel momento la spedizione sarà custodita in sicurezza.

Così, anche chi ha molti impegni e trascorre quasi tutta la giornata fuori casa avrà la garanzia di poter ritirare con calma i suoi ordini. Inoltre, questo sistema offre la massima flessibilità anche per quanto riguarda eventuali resi: la merce può essere riportata al punto di consegna più comodo evitando lunghe code in posta.

Esempi di questo tipo di servizio sono gli UPS Access Points oppure i Locker di Amazon

Tracking number

Il Tracking number è il sistema di tracciamento online usato da tutti i corrieri. È un codice alfanumerico univoco che viene assegnato a una spedizione allo scopo di identificarla in modo univoco

Permette al cliente di verificare in ogni momento lo stato della spedizione. Tale servizio è disponibile via sms, apps, siti web, e-mail con aggiornamenti personalizzati o molte volte anche chiamando il numero verde del corriere.

Ogni corriere dispone di un proprio sistema di tracking, che serve a monitorare le varie fasi della spedizione finché la consegna non è avvenuta.

Solitamente, dopo avere effettuato un acquisto online il cliente riceve il tracking number tramite email; questo non va confuso con il numero dell’ordine, che serve invece ad identificare l’acquisto.

Ci sono altre parole del mondo della logistica e delle spedizioni su cui hai dubbi? Faccelo sapere nei commenti e ti spiegheremo il loro significato.

Leave a Reply